Il Nettare del lavoro e dei saperi

Finanziato dalla Regione Puglia, Assessorato al Welfare, nell’ambito dell’Avviso “Puglia Capitale Sociale”.
Il progetto denominato “Il Nettare del lavoro e dei Saperi” nasce dall’esigenza evidenziata dal territorio e sottolineata dal Piano Sociale di Zona 2010-12 di favorire l’inclusione sociale e lavorativa di alcune categorie di soggetti svantaggiati e mira al raggiungimento di questo obbiettivo attraverso iniziative sperimentali di agricoltura sociale.

Attraverso la sottoscrizione del Patto di Sussidiarietà i componenti del Comitato locale (GustaMente Puglia, Trullo Sociale, Comune di Poggiardo, Istituto Comprensivo di Poggiardo, Associazione Nettare Natura e Ambito Territoriale Sociale di Poggiardo) hanno optato per la realizzazione di iniziative di inclusione sociale legate al mondo rurale, che si sono sviluppate lungo due linee direttrici:

  • Si è realizzato un percorso legato all’apicoltura biologica, coinvolgendo soggetti svantaggiati (ex detenuti, ex tossici e disoccupati di lungo periodo) rientranti nella fascia di età 18-60 anni. Le attività si sono svolte all’interno dei Parco ambientale archeologico dei Guerrieri a Vaste – Poggiardo (Le).

  • La seconda linea di interventi prevedeva la realizzazione di campagne formative e informative sui corretti stili di vita ed alimentari destinate ai bambini delle scuole elementari e medie del territorio. Accanto all’attività meramente informativa si è voluto realizzare un percorso innovativo che mirasse a coinvolgere i bambini e gli anziani del territorio nella realizzazione di piccoli “Orti sociali”. Ciò nasce dalla considerazione che le persone anziane sono portatrici di antichi saperi e conoscenze legate al territorio e accostandoli ai bimbi è possibile non solo contrastare l’emarginazione degli anziani, ma è possibile anche favorire il trasferimento di conoscenze, competenze legate alle usanze locali, in un’area in cui l’agricoltura ha sempre rappresentato la principale fonte di sostentamento.