Forum Regionale dell'agricolura sociale

Il 29 gennaio scorso è nato a Mola, sotto l’egida del Forum Nazionale, il Forum regionale pugliese dell’Agricoltura Sociale.

Il territorio regionale pugliese si sta arricchendo di esperienze innovative nel campo dell’agricoltura sociale e multifunzionale, attraverso persone che hanno scelto il ritorno alla terra come prospettiva di vita e di sviluppo.

In questo momento storico è necessario che Aziende Agricole, Cooperative Sociali ed il mondo del Terzo Settore cooperino, dotandosi di uno strumento comune di incontro, confronto ed elaborazione, soprattutto in attesa dell’approvazione definitiva della Legge Nazionale sull’Agricoltura Sociale.

A tal proposito è indispensabile avviare un tavolo di lavoro sull’agricoltura sociale in Puglia, con gli Assessorati al Welfare e all’Agricoltura: il fine è di promuovere il lavoro attuato dal coordinamento del Forum Regionale attraverso la proposta della Legge regionale e altri strumenti utili al raggiungimento dell’obiettivo.

Ai primi tre incontri hanno partecipato complessivamente un centinaio di rappresentati del mondo del Terzo Settore, delle aziende agricole e della cooperazione, rappresentanti di sedi provinciali INAIL, ASL e Ambiti territoriali sociali. Le province che attualmente hanno risposto in maniera più massiccia sono quelle del Salento dove il ricorso all’agricoltura come pratica terapeutica o come elemento di diversificazione della produzione aziendale sono conosciute ed utilizzate da diversi anni.

Il Gruppo di Coordinamento del Forum Regionale sta lavorando su più fronti per il raggiungimento in tempi brevi di una visione congiunta in merito alla materia da esplicitarsi attraverso una Legge Regionale di settore.

Definizione di agricoltura sociale

L’AS comprende l’insieme di pratiche svolte su un territorio da aziende agricole, cooperative sociali e altre organizzazioni del Terzo Settore che coniugano l’utilizzo delle risorse agricole e il processo produttivo multifunzionale a basso impatto ambientale, prioritariamente e progressivamente con metodo biologico, con le attività sociali, finalizzate a generare benefici inclusivi, a favorire percorsi terapeutici, riabilitativi e di cura, a sostenere l’inserimento sociale e lavorativo delle fasce di popolazione svantaggiate e a rischio di marginalizzazione, e a favorire la coesione sociale, in modo sostanziale e continuativo. Tali attività devono essere realizzate in cooperazione con i servizi socio-sanitari e gli enti pubblici competenti del territorio e sottoposte a verifiche periodiche, attraverso un apposito rendiconto sociale.

L’agricoltura sociale è una prassi di sviluppo locale sostenibile socialmente economicamente e ecologicamente. Inoltre l’agricoltura sociale, in quanto parte dell’agricoltura multifunzionale, può offrire un’ampia gamma di servizi finalizzata a perseguire il benessere dell’intera cittadinanza e quindi rispondere ad una più ampio bisogno di politiche di welfare.

L’Agricoltura sociale coinvolge una moltitudine di soggetti (pubblici e privati) e di professionalità per il soddisfacimento dei beni collettivi della comunità.

Le finalità delle pratiche e delle modalità di svolgimento dell’AS sono diverse e ad oggi prevedono:

• percorsi riabilitativi, terapeutici e di cura per persone in situazione di disagio (persone con disabilità psico-fisica, persone con disagio psichico, tossicodipendenti) attraverso attività terapeutiche o di co- terapia (ortoterapia, pet-therapy, onoterapia), le cosiddette “terapie verdi”, svolte in collaborazione con i servizi socio-sanitari del territorio;

  • formazione e inserimento socio lavorativo di soggetti svantaggiati e disabili;
  • attività sociali, “rigenerative” e di accoglienza per persone e fasce “fragili” di popolazione o con particolari esigenze (anziani, bambini, minori e giovani in difficoltà o a rischio di devianza, rifugiati, disoccupati di lungo corso, nuove povertà ecc).
  • interventi e servizi finalizzati al benessere complessivo dell’insieme della cittadinanza.
  • L’agricoltura multifunzionale, di cui l’agricoltura sociale è parte, consente infatti di offrire un’ampia gamma di servizi finalizzati al benessere complessivo dell’insieme della cittadinanza, nell’ottica di un nuovo welfare diffuso e partecipativo. Ciò è tanto più utile nelle aree rurali fragili e a rischio di abbandono, concorrendo a rafforzare le reti di protezione sociale in via di rarefazione in tali aree. L’agricoltura multifunzionale e sostenibile può infatti concorrere a soddisfare vecchi e nuovi bisogni sociali, di protezione e di servizi alla persona provenienti tanto dalle aree rurali e da quelle urbane, cui il welfare centralistico non è più in grado di rispondere, attraverso servizi per la prima infanzia, attività rigenerative per adulti e anziani (agri-nidi e asili, campi estivi, accoglienza per persone in difficoltà momentanea, ecc.), nonché attività di aggregazione e socialità delle popolazioni delle aree rurali.

I PRINCIPI DELL’AGRICOLTURA SOCIALE

Agricoltura multifunzionale

L’A.S. punta a valorizzare l’agricoltura multifunzionale nel campo dei servizi alla persona, valorizzare la produzione agricola di qualità, sperimentare e innovare le pratiche agricole nel rispetto delle persone e dell’ambiente, mira ad integrare la produzione di beni e servizi con la creazione di reti informali di relazioni.

L’A.S. promuove stili di vita sani ed equilibrati e tende all’innalzamento della qualità della vita locale nelle aree rurali e peri-urbane attraverso la creazione di contesti di coesione sociale e l’offerta di servizi per le persone e le popolazioni locali.

Welfare partecipativo

L’A.S. si lega ad un modello di welfare territoriale e di prossimità, basato sull’azione pubblica di regolazione e salvaguardia delle tutele dei cittadini a partire dalle fasce deboli e vede protagonisti gli operatore dell’AS, le istituzioni locali, il terzo settore e gli altri soggetti del territorio. L’organizzazione del sistema di welfare è finalizzata al benessere delle persone, alla realizzazione di comunità accoglienti, che partecipano alla sua definizione e ne usufruiscono; essa valorizza l’interazione e la relazione tra i diversi soggetti coinvolti nei processi di costruzione, realizzazione e utilizzo dei servizi.

Salute e benessere

L’A.S., proponendo attività a contatto con piante e animali, contribuisce al miglioramento del benessere individuale e di tutti gli esseri viventi e delle condizioni di salute delle persone coinvolte nei processi di terapeutici, riabilitativi e di cura.

Riconoscimento e tutela dei beni comuni

L’AS riconosce e valorizza il patrimonio dell’agricoltura, costituito dai beni naturali (terra, acqua, paesaggio, ecc.), dai beni materiali (attrezzi, edifici, varietà vegetali, razze animali) e dall’insieme delle conoscenze, dei valori, delle tradizioni (beni immateriali) che caratterizzato tale settore. L’AS valorizza il territorio che, in quanto habitat dell’uomo e sistema nel quale si intrecciano natura e storia, considera patrimonio culturale e bene comune.

Produzione di beni relazionali

L’A.S. produce contestualmente cibo e beni relazionali mediante processi agricoli sostenibili. L’A.S. infatti, consente di costruire e consolidare relazioni significative tra persone diverse per provenienza, esperienza, capacità, problematiche e prospettive, contribuendo alla crescita del capitale sociale del territorio.

Agricoltura e legalità

L’AS si impegna nella lotta contro tutte le illegalità e in particolare contro la criminalità organizzata, che mina nel profondo i valori della società e le prospettive di futuro. L’AS collabora con tutte le realtà che operano sui terreni confiscati alle mafie, sostenendo le iniziative e promuovendo i prodotti.

Un modello di coesione sociale

L’A.S. opera con un ampio spirito di cooperazione ed inclusione verso tutti i cittadini, senza discriminazione alcuna di sesso, di razza, di religione, e politica e pone al centro del suo sistema di servizi e di produzione la persona, nella sua unicità ed individualità, come portatrice di istanze e di diritti. Per questo le attività proposte sono sempre inserite in una progettualità più ampia, che coinvolge tutti i soggetti del territorio, con l’obiettivo di dare risposte alle esigenze dei singoli e allo stesso tempo produrre benessere e coesione sociale.

Agricoltura e ambiente

L’A.S. si sviluppa su una logica di sostenibilità ambientale, sociale ed economica, con particolare attenzione alla tutela e conservazione delle risorse naturali per le generazioni future in ogni singolo territorio. In particolare, l’AS tende prioritariamente e progressivamente a una produzione con metodo biologico, capace di salvaguardare allo stesso tempo la salute di tutti gli esseri viventi e l’ambiente. L’AS inoltre tutela il contesto ambientale attraverso la valorizzazione del patrimonio naturale e culturale, la promozione delle tipicità e delle eccellenze del territorio.

Educazione e formazione

L’AS promuove azioni per avvicinare alle tematiche ambientali, agricole e sociali tutte le persone, in particolari quelle più giovani; a tal fine organizza attività educative e formative, in collegamento con le scuole e le altre agenzie formative del territorio.

Sviluppo di reti e comunità

Le realtà che operano nell’ambito dell’AS lavorano valorizzando le esperienze reciproche in un’ottica di scambio e reciprocità, favoriscono la nascita di reti, gruppi territoriali o tematici, aggregazioni di soggetti interessati ad approfondire le tematiche connesse con l’AS e ad avviare

collaborazioni e progettualità comuni. Tali realtà tendono alla creazione di filiere agricole e sociali etiche

Tutela della persona e del lavoro

L’A.S. è attenta ed impegnata nella ricerca di opportunità occupazionali per persone svantaggiate, considerando il lavoro un valore e non un costo dell’impresa. Le realtà che agiscono nel contesto dell’AS rispettano i diritti contrattuali e legislativi dei lavoratori, senza discriminazione alcuna e favoriscono la crescita professionale delle persone coinvolte nei processi produttivi.

Heading

Donec id elit non mi porta gravida at eget metus. Fusce dapibus, tellus ac cursus commodo, tortor mauris condimentum nibh, ut fermentum massa justo sit amet risus. Etiam porta sem malesuada magna mollis euismod. Donec sed odio dui.

Heading

Donec id elit non mi porta gravida at eget metus. Fusce dapibus, tellus ac cursus commodo, tortor mauris condimentum nibh, ut fermentum massa justo sit amet risus. Etiam porta sem malesuada magna mollis euismod. Donec sed odio dui.

Heading

Donec id elit non mi porta gravida at eget metus. Fusce dapibus, tellus ac cursus commodo, tortor mauris condimentum nibh, ut fermentum massa justo sit amet risus. Etiam porta sem malesuada magna mollis euismod. Donec sed odio dui.